CROWN - Croatian World Network - http://www.croatia.org/crown
Ivana Marija Vidovic in Rome piano recital and poetry book in Italian & Croatian
http://www.croatia.org/crown/articles/10094/1/Ivana-Marija-Vidovic-in-Rome-piano-recital-and-poetry-book-in-Italian--Croatian.html
By Prof.Dr. Darko Zubrinic
Published on 03/23/2011
 
Croatian pianist and poet Ivana Marija VidoviŠ will have a piano recital in Rome 29 March 2011 dedicated to Dora Pejacevic, the first Croatian woman composer. On that occasion her new bilingual poetry book will be presented, published in Italian and Croatian. Two days earliear, 27 March, she will have a concert in Cecina, Italy.

Piano concert dedicated to Dora Pejacevic, the first Croatian woman composer


Ivana Marija VidoviŠ in the town of Na╣ice, the birthplace of the first Croatian woman composer Dora PejaŔeviŠ 1885-1923.
Ivana Marija is in front of Dora's portrait.


Announcement of Ivana Marija VidoviŠ's concert and poetry book in Rome, Italy.


Front cover page of Ivana VidoviŠ's poetry book published in Italian and Croatian.
Drawing of flowers by Marusja Brautovic, Croatian painter from Dubrovnik,
and the inside of the book decorated by Italian painter William Trivelli.


Introduzione

Le persone ricche di originalitÓ, con la loro fuga da una realtÓ troppo spesso – per loro – alienante, dimentichi della propria vita, per mera necessitÓ sperimentano nel loro slancio di libertÓ la propria irripetibile veritÓ soggettiva e, attraverso la loro arte, creano mondi nuovi, imprimendo cosý un chiaro suggello al loro tempo.

Lo stupore e la commozione costituiscono le fonti del loro anelito spirituale, gli elementi che suscitano i loro lucidi rapimenti.

Avvicinarsi, pertanto, in questo modo alle opere di Dora PejaŔeviŠ, infonder loro una dimensione nuova con la propria interpretazione, eternandone il mondo poetico, non Ŕ soltanto, quindi, la risposta a un riflesso, quanto piuttosto un dire sý alla passione, vista come il fortissimo anelito alla bellezza che ha spinto l’autrice a compiere questo salto estatico dal mondo delle note a quello delle liriche.

Immergersi in una simile avventura creatrice costituisce il segno inequivocabile della libertÓ e della versatilitÓ dell’animo umano, che non rimane mai immobile, bensý cerca “ci˛ che non si vede", dal momento che “l’uomo Ŕ l’essere degli spazi infiniti” (oppure: l’uomo Ŕ l’essere “che va oltre”).
Nella sua introduzione al Secondo manifesto del movimento surrealista, AndrŔ Breton sostiene che la rosa, ovvero il fiore inte-so come motivo poetico, possiede un suo significato denotativo e connotativo intimamente connesso alla capacitÓ di associativitÓ che Ŕ propria della poesia.

Nell’ambito del ciclo floreale, nelle poesie di Ivana Marija VidoviŠ, i fiori – il bucaneve, la violetta, il mughetto, il mysotis – rappresentano sý gli archetipi di una sublime bellezza, ma assurgono anche a simboli che disegnano persone, sensazioni, fenomeni e moti dell’animo.
L’impressione e il simbolo floreale, in queste liriche, diventano una cosa sola, dando vita ad una semantostruttura che rimanda all’ambivalenza del fiore inteso come simbolo nel repertorio artistico di Ivana Marija.

Il bucaneve Ŕ fragile, delicato, ma allo stesso tempo rappresen-ta l’indistruttibile scintilla di vita che sfolgora agli alberi della primavera sotto il manto ghiacciato sciolto, ormai, “dalle acque primaverili”. Caratteristica peculiare della poesia Ŕ l’unione di suono e significato, sicchŔ le parole, nella poesia, con il loro suono, evocano anche ci˛ che non esprimono dal punto di vista del significato, cosa che Ŕ particolarmene evidente nella lirica di Ivana M.VidoviŠ :
La violetta: "Violetta, bambinella dolcissima... Violetta, violetta violetta, bambolina graziosa, in te, ogni volta nuove, nascono... si palesano, tutte le sequenze mozartiane."
Questi versi, cosý come quelli delle altre poesie:

(Quieta come la morte / bella come un campo) non sono solamente il sottofondo sonoro, bensý costituiscono la stessa fonostruttura della poesia, un arabesco sonoro, una specie di musica dai mille colori che riesce a fondersi magicamente con gli schizzi poetici coi quali si trova in legame sinestetico – associativo.

Il verso di Verlaine, tratto dalla lirica: L’arte della poesia:
"Vi sia, sempre e ovunque, musica" illustra al meglio la compe-netrazione, l’inscindibile fusione dei versi poetici di Ivana Marija VidoviŠ coi toni tratti dal ciclo per pianoforte La vita dei fiori di Dora PejaŔeviŠ.

Con quest’opera unica nel suo genere, l'autrice ha saputo esaltare in massimo grado la qualitÓ della musica di Dora PejaŔeviŠ, riuscendo ad infonderle la dimensione di valore supremo, che alla vita e alle opere dell’una e dell’altra imprime l’imperituro riflesso dell’eternitÓ.

Ana Dalmatin

Source www.akkuaria.org


á
Program of Ivana VidoviŠ in Cecina and in Rome, Italy

27 | 03 | 2011 | Cecina | Italy

Festival Meridiano Classica - Festival's opening concert
Salone della Santa Famiglia at 5:30 PM
Programme: Liszt, Dora Pejacevic, Schumann, Villa Lobos

á
29 | 03 | 2011 | Rome | Italy

Societa Umanitaria Sede di Roma
Via U. Aldrovandi 16, March 29, 2011 at 6 PM
Piano recital and new bilingual poetry book launch (Italian/Croatian)
Meeting the Author, Pianist Poet Ivana Marija Vidovic
Guest d'honor, Italian actor Giovanni Carta
Dedicated to Dora Pejacevic, Croatian woman composer and bicentennial of Franz Liszt's birth




Formated for CROWN by prof.dr. Darko «ubriniŠ
Distributed by www.Croatia.org . This message is intended for Croatian Associations/Institutions and their Friends in Croatia and in the World. The opinions/articles expressed on this list do not reflect personal opinions of the moderator. If the reader of this message is not the intended recipient, please delete or destroy all copies of this communication and please, let us know!